Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_tokyo

“In viaggio per l’Europa con la letteratura”. European Literature Festival 2017

Data:

23/11/2017


“In viaggio per l’Europa con la letteratura”. European Literature Festival 2017

Tredici Paesi europei (Austria, Belgio, Estonia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna) riuniti in EUNIC Japan e la Delegazione dell’Unione Europea in Giappone uniscono le forze per rendere possibile a Tokyo un affascinante viaggio letterario nella multiforme realtá del Vecchio Continente.

Romanzieri, traduttori, critici, studiosi, musicisti e performer danno vita a una ricca serie di incontri, letture e dibattiti pubblici in diverse sedi attraverso Tokyo, alla riscoperta di angoli della cittá fortemente impregnati di cultura europea.

L’invitato italiano è il romanziere Carmine Abate. Abate è la quintessenza dell’intellettuale europeo: nato in Italia in una comunitá calabrese di antica origine albanese, ha trascorso lunghi anni in Germania e la sua scrittura è oggi l’espressione di una identitá variegata e poliglotta, sintesi di molteplici influenze e ricchissima di echi che riverberano dal nucleo piú profondo del continente. Espressione dunque di un’Europa che, malgrado le tensioni attuali o proprio in virtú di queste, è un’entitá viva, policentrica, carica di storia ma attiva nel presente e proiettata verso il futuro.

Giovedí 23 novembre alle 16:15 presso Europa House, Abate dialoga (in italiano e giapponese con traduzione simultanea in inglese) con il romanziere Ono Masatsugu sui temi dell’origine, del viaggio e dell’identitá letteraria. L’incontro è moderato da Kurihara Toshihide, traduttore di due dei romanzi di Abate disponibili in giapponese.
Ingresso gratuito.

Venerdí 24 alle 15:00 presso il Goethe-Institut Tokyo, Abate tiene una conferenza (in tedesco con traduzione consecutiva) sul tema “Vivere e scrivere per addizione”.
Ingresso gratuito.

Infine, domenica 26 alle 12:00 presso l’Institut Français du Japon – Tokyo, il romanziere è protagonista di un 'pranzo letterario' nel corso del quale legge un suo racconto che ha per argomento il cibo (in italiano con traduzione giapponese proiettata su grande schermo).
Ingresso a pagamento.

Per maggiori informazioni e per prenotare, cliccare qui

*

Carmine Abate è nato nel 1954 a Carfizzi, un paese arbëresh (italo-albanese) della Calabria. Emigrato da giovane ad Amburgo, oggi vive a Besenello, in Trentino. Come narratore ha esordito in Germania con Den Koffer und weg! (1984). Ha pubblicato due libri di racconti, Il muro dei muri (1993) e Vivere per addizione e altri viaggi (2010), la raccolta di “poesie & proesie” Terre di andata (1996 e 2011), il saggio I germanesi (1986 e 2006, con Meike Behrmann) e i romanzi Il ballo tondo (1991, riedito nel 2016 nella collana “900 Italiano” che raccoglie i cento migliori romanzi italiani del Novecento), La moto di Scanderbeg (1999), Tra due mari (2002), La festa del ritorno (2004, premio selezione Campiello, nuova edizione 2014), Il mosaico del tempo grande (2006), Gli anni veloci (2008), La collina del vento (premio Campiello 2012), Il bacio del pane (2013), La felicità dell’attesa (2015) e Il banchetto di nozze e altri sapori (2016), tutti editi da Mondadori. I suoi libri, vincitori di numerosi premi, sono tradotti in Francia, Stati Uniti, Germania, Olanda, Grecia, Portogallo, Albania, Kosovo, Giappone e in arabo. Il suo sito web è www.carmineabate.net e la sua pagina Facebook è www.facebook.com/abate.carmine.

Ono Masatsugu, nato nel 1970 nella Prefettura di Oita (Kyushu), è romanziere e docente di culture comparate presso la Graduate School of Arts della Rikkyo University. Ha pubblicato numerosi romanzi che si sono aggiudicati i maggiori premi letterari giapponesi, quali Mizu ni umoreru haka [La tomba sott’acqua], Premio Asahi Shimbun 2001, Nigiyakana wan ni seowareta fune [Una barca presa in una baia in tempesta], Premio Mishima 2002 e Kyūnen mae no inori [Una preghiera di nove anni prima], Premio Akutagawa 2013. Dal francese ha tradotto Édouard Glissant e Marie NDiaye, dall’inglese (con Ozawa Shizen) V.S. Naipaul e Martha C. Nussbaum. Tra le sue opere, in inglese si possono leggere At the Edge of the Wood, Strangers Press 2017 e Lion Cross Point, Two Lines Press (in corso di pubblicazione).

 

 

Informazioni

Data: da Gio 23 Nov 2017 a Dom 26 Nov 2017

Organizzato da : EU Delegation, EUNIC Japan

In collaborazione con : con il patrocinio di J-WAVE

Ingresso : Libero


1071