Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_tokyo

Dove la musica unisce. Italia e Giappone ieri e oggi

Data:

07/09/2016


Dove la musica unisce. Italia e Giappone ieri e oggi

Concerto di Federica Lotti (flauto), Takeda Keigo (pianoforte) con la partecipazione della flautista Sakuramoto Ayumi

Questo programma di concerto nasce dall'idea di render vivo, non solo simbolicamente, l'incontro fra Italia e Giappone all'insegna della musica. Autori italiani di epoche ed estetiche molto diverse fra loro ed un grande Maestro giapponese, in una passerella che mostra come possono trasformarsi la voce ed il suono del flauto, strumento amato dalle culture di entrambe i Paesi. Ascolteremo quindi il brio rossiniano, l'interazione spiritosa con la parola in Sonia Bo, l'aura tardoromantica di un giovanissimo Busoni, il frizzo virtuosistico del grande flautista ottocentesco Giulio Briccialdi, la suggestione provocatoria e poetica insieme del brano di Claudio Ambrosini ispirata ad un'opera dell'artista concettuale Alighiero Boetti, l'improvviso del lucano De Lorenzo che emigrato negli USA rese gloria alla tradizione del suo paesino natale, una prima esecuzione assoluta del quarantenne emergente Mauro Montalbetti, la magia sonora ed angelica di Petrassi, la lirica brillantezza classica e quasi popolare insieme del pezzo di Casella. Accanto a questo piccolo specchio italiano (diverse anche le regioni d'origine dei compositori) la sacralità del Buddha Illuminato che Fukushima Kazuo evoca nel suo Kadha.

Insieme a Federica Lotti due giovani musicisti giapponesi che hanno completato la loro formazione al Conservatorio di Venezia.

Anche così, Italia e Giappone si incontrano.

Programma

Gioacchino Rossini (1792-1868)
Andante e Allegro

Sonia Bo (1960)
L'arbitro, il merlo, il vaporetto che va a Ischia (2000), per flauto parlante

Fukushima Kazuo (1930)
Kadha karuna (1962)

Ferruccio Busoni (1866-1924)
Duo op.43 (1880), per due flauti e pianoforte

Giulio Briccialdi (1818-1881)
Il Carnevale di Venezia

Claudio Ambrosini (1948)
Classifying the Thousand Shortest Sounds in the World (2012), per flauto
Scritto per Federica Lotti

Leonardo De Lorenzo (1875-1962)
Improvviso op.72 (1944)

Mauro Montalbetti (1969)
New Piece World Premiere, per flauto solo
Scritto per Federica Lotti

Goffredo Petrassi (1904-2003)
Dialogo angelico (1948), per due flauti

Alfredo Casella (1883-1947)
Siciliana e Burlesca (1914)

Per informazioni rivolgersi a Istituto Italiano di Cultura eventi.iictokyo@esteri.it Tel. 03-3264-6011 (int.29)

Per prenotare, inviare una mail con nome, cognome, numero di partecipanti e recapito telefonico all'indirizzo: eventi.iictokyo@esteri.it indicando in oggetto “Concerto del 7 settembre 2016”

 

Profilo 
Federica Lotti
Ha cominciato undicenne lo studio del flauto studiando con R.Fabbriciani, S. Gazzelloni, C. Klemm, A. Marion e P.-Y. Artaud, oltre ad una importante esperienza di studio con il compositore B. Bartolozzi. Come solista ha suonato con importanti orchestre italiane e straniere, per istituzioni quali la Biennale di Venezia e il Festival Pontino, in sale prestigiose (Piccolo Regio di Torino, Sale Apollinee del Teatro La Fenice di Venezia, Conservatorio di Strasburgo, Centro Pompidou di Parigi, Mozarteum di Salisburgo, Accademia Chopin di Varsavia, Linhart Hall di Lubiana, la Hiratsuka Hall di Tokyo). Ha registrato trasmissioni televisive e radiofoniche per RaiUno, Radio Capodistria, Radio Tirolo ed inciso per Edipan, Taukay, Curci. E' docente al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia. Sensibile alle nuove tecniche, si dedica al repertorio contemporaneo collaborando con numerosi compositori che hanno scritto pezzi per lei. Invitata da importanti Accademie e Fondazioni in tutta Europa e USA, presta la sua competenza musicale al servizio di temi a carattere etico (dialogo interreligioso, ambientalismo) e di impegno civile.

Informazioni

Data: Mer 7 Set 2016

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Tokyo

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, Auditorium

948