Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_tokyo

Uomini che camminano

Data:

28/11/2015


Uomini che camminano

Igort X Jirō Taniguchi

 

Per la prima volta l'italiano Igort e il giapponese Jiro Taniguchi, due disegnatori di fama mondiale, espongono insieme le loro opere. I due autori, contraddistinti da uno stile molto personale, si sono conosciuti negli anni Novanta e da allora hanno instaurato un proficuo rapporto basato sulla stima reciproca. In questa mostra sono esposte opere in cui ciascuno vede il paese dell’altro: i soggiorni di Igort in Giappone sono il tema della sua ultima opera Quaderni Giapponesi, mentre Taniguchi ha disegnato Venice, un travel book dedicato a Venezia. Questo è l’asse intorno al quale è incentrata la mostra, che si propone di esaminare il percorso compiuto da questi due grandi artisti.

Per informazioni rivolgersi a Istituto Italiano di Cultura Tel. 03-3264-6011 (int.13, 29) eventi.iictokyo@esteri.it     

Eventi collegati:

Incontro con la curatrice. Kikuta Mikiko, curatrice della mostra, illustra le opere esposte. Sabato 28 novembre, alle ore 13.30, Sala Esposizioni. In giapponese. Ingresso libero.

Conferenza di Igort Lunedì 7 dicembre, alle ore 18.30, Auditorium Umberto Agnelli. In italiano, con traduzione in giapponese. Per prenotare, inviare una mail con nome, cognome, n. di partecipanti e recapito telefonico all'indirizzo: eventi.iictokyo@esteri.it indicando in oggetto “Conferenza del 7 dicembre”

Igort lavora dalla fine degli anni Settanta come autore di fumetti, illustratore, saggista e musicista. Vive tra Parigi e la sua Sardegna. Alla fine anni Settanta alcune tra le sue prime storie appaiono sulla rivista Il pinguino, da lui fondata, alla quale parteciperanno anche Giorgio Carpinteri, Lorenzo Mattotti, Daniele Brolli, Roberto Baldazzini. Nel corso degli anni Ottanta i suoi fumetti appaiono sulle pagine di molte riviste nazionali e internazionali tra le quali Linus, Alter, Frigidaire, Metal Hurlant, L'echo des Savanes, Vanity, The Face; scrive per Il Manifesto, Reporter, Il Corriere della Sera, Repubblica. Nel 1983, insieme a Brolli, Carpinteri, Jori, Kramsky e Mattotti, è fondatore di Valvoline; dagli anni Novanta pubblica regolarmente in Giappone creando la serie Amore, ambientata in Sicilia, e Yuri, entrambe edite dalla casa editrice Kodansha. Si trasferisce a Tokyo. La sua attività si estende, partecipa a edizioni speciali delle prestigiosa Magazine House Tokyo, Hon Hon Do e altre. Collabora con il musicista premio Oscar Ryuichi Sakamoto, pubblicando una storia scritta a 4 mani che esce in Giappone e Italia. I suoi disegni diventano tessuti, abiti, tappeti, serigrafie, sculture, giocattoli ecc. Espone a New York, Tokyo, Parigi, Ginevra, Milano ecc. Nel campo del design collabora con Studio Alchimia, Swatch, Alessi, Memphis ecc. Nel 1994 espone i suoi lavori plastici e musicali alla Biennale di Venezia. Nel campo musicale canta, suona, compone e pubblica i suoi album in Germania, Francia, Italia. Altra grande passione, la radio. Dagli anni Settanta lavora come autore e conduttore radiofonico (Radio città del Capo-Popolare network e Radio 2 RAI). Nel 2000 fonda e dirige la casa editrice Coconino Press, con sede a Bologna. Il suo romanzo a fumetti 5 è il numero perfetto è pubblicato in 15 paesi e sta per diventare un film. Frattanto lavora alla serie Baobab, scrive opere di narrativa e sceneggiature per il cinema. Viaggia, raccoglie testimonianze che diventano i suoi documentari disegnati: sono i Quaderni ucraini, russi e giapponesi, pubblicati in numerose lingue.

Jiro Taniguchi nasce nel 1947 e debutta nel 1971. La sua produzione varia dal genere hard boiled alla fantascienza, al mondo spietato della natura e degli animali, per toccare l’ambiente familiare e quotidiano, poco esplorato prima di lui. Con il suo stile molto personale ha allargato le frontiere del manga. Le sue qualità sono riconosciute a livello mondiale e anche in Giappone ha un grande successo di pubblico e critica. Riceve vari premi: nel 1992 il Premio Shogakkan (Premio speciale della Giuria)  nel 1998 il Premio Tezuka Osamu e il Premio per le Arti (Sezione Manga) dell’Agenzia per gli affari culturali, nel 2005 il Premio del Festival international de la bande dessinée d'Angoulême, nel 2010 il Premio Maestro del Fumetto del Lucca Comic Festival ed altri ancora. Nel 2011 è insignito del titolo di Cavaliere dal Ministero della Cultura Francese.

Informazioni

Data: da Sab 28 Nov 2015 a Sab 19 Dic 2015

Ingresso : Libero


747